© Todaro Sport - 2020
il carrello è vuoto..

Matteo Rocco - Le esche

16/10/2015

pubblicato da: Marco Donzelli

Le esche del surfishing si dividono in generiche e specifiche. Quelle generiche riguardano i vermi in genere, arselle e bivalve, appetibili ad una vasta gamma di prede mentre, quelle specifiche come: granchio, seppia. Calamaro, pesce innescato vivo, oloturia, murice, trancio di muggine, ecc., sono destinate solo ad alcune prede.
Nel surfishing medio e leggero sono i vermi a prevalere, specialmente l' arenicola, americano e coreano. Infatti, sono adattabili agli ami per piccoli bocconi adatti a quelle prede che succhiano l' esca come mormora e ombrina, anche se molto appetibili all' orata e altre specie. Le abitudini alimentari dei pesci possono variare nelle stagioni in base al periodo dell' anno, quindi, un' esca può andare bene in un certo periodo e in un altro no. Probabilmente solo la mormora non disdegna mai l' arenicola. Mi è capitato più di una volta che sarago, orata e spigola, in determinate stagioni, hanno preferito di più l' esca bianca come seppia, calamaro e cannolicchio. Forse dipenderà dalla loro dieta giornaliera per assumere alcune proteine e altre no.
Arenicola
L' arenicola è un anellide che vive sotto la sabbia in prossimità di rocce , specialmente se ricoperte di mitili. Molti pescatori se la procurano scavando la sabbia con un badile con risultati disastrosi poichè la spezzano e danneggiano una buona parte dell' animale. Il suo commercio avviene con una rete capillare su tutto il territorio nazionale ed è possibile trovarla in tutti i negozi di pesca. Le sue virtù affascinanti sono veramente micidiali su la maggior parte dei pesci. La luminescenza e la scia aromatica dell' emoglobina rilasciata in acqua, si disperde creando un' irresistibile boccone appetito in particolar modo dalle mormore e non solo. La sua conservazione, al contrario di quanto si dica è molto semplice e duratura se le accortezze di sostituire l' acqua di mare (magari anche la sabbia) ogni tre giorni, potremmo mantenerla anche un mese intero con dei risultati a nostro favore, perchè l' anellide avrà la possibilità di alimentarsi e crescere molto. Il suo innesco va fatto principalmente con l' ago per essere trasferito sull' amo. Un altro metodo antico ma efficace è quello dell' innesco a calzetta, passando l' amo nel corpo del verme ogni due centimetri in maniera che formi una cigliegina.
Bibi
Essendo un verme che non fa parte degli anellidi ma è molto appetito dalle orate, ombrine e dalle grosse mormore. Vive sotto la sabbia dove si trova in gran numero nelle lagune salmastre ma anche a pochi metri dalla riva. Anche questo animale è commercializzato in piccole scatolette , quindi di facile reperibilità. Il suo innesco è un pò particolare siccome bisogna fare attenzione di non far fuoriuscire il liquido nel forarlo. Nel suo interno conserverà il succo che disperderà in acqua molto lentamente attirando i pesci di una certa mole.
Americano
Tra gli anellidi, il verme americano è il più robusto e appetito. Nel suo interno ha un' abbondante contenuto di sangue e viene utilizzato per la pesca delle orate, mormore, ombrine e spigole. E' l'unico verme del surfcasting siccome è utilizzato nella turbolenza durante le mareggiate. Ottimo per la cattura di grosse orate e ombrine invernali. Il suo innesco è facile e si consiglia di lasciare almeno tre centimetri di coda libera dalla punta dell' amo.
Cannolicchio
Una volta era l' esca primaria della pesca in genere ed era reperibile in tutte le stagioni e in tutte le pescherie. Oggi, purtroppo, il prelievo selvaggio di questo mollusco ne ha ridotto e pianificato il prelievo solo in alcuni mesi dell' anno. E' possibile reperirlo dopo una forte mareggiata anche sulla battigia e può essere conservato surgelandolo sia crudo, sia sbollentato. Il suo innesco può essere sgusciato oppure intero. Sgusciato va infilato nell' ago forato e legato con il filo elastico, mentre intero si posiziona l' amo dalla parte della lingua facendo passare la lenza dentro la bivalve senza ferirla, qualche giro di filo elastico completerà l' operazione. E' una delle esche migliori per l' orata, mormora, ombrina e spigola.

Scritto per pescasurfcasting da Matteo Rocco.

MULTIMEDIA
Todaro Sport

Via Odescalchi, 33 - Ladispoli
Tel. 06 99222757

Via Pietro Giannone, 8 - Roma
Tel. 06 39733313

Partita IVA 10410721004
© Todaro Sport 2020
All rights reserved