© Todaro Sport - 2020
il carrello è vuoto..

Il Nylon

10/02/2016

pubblicato da: Luca Antonelli

La scelta del filo di Nylon è del tutto personale, anche se conoscerlo a fondo determina il successo di una pescata. Nel long casting la scelta va fatta principalmente sul diametro che deve corrispondere alle normative della Federazione, stabilite per ogni categoria di piombo da lanciare. Considerando che al giorno d'oggi ogni marca di filo potrebbe essere utile per diverse discipline, la scelta per il long casting va fatta su quei rocchetti chilometrici abbastanza economici.
Ma quante sono le fabbriche che producono filo da pesca? Si possono contare sulle dita di una mano! E si trovano nei paesi Asiatici e America. Certamente la distribuzione pubblicitaria condiziona la gente e le confezioni "lussuose" fanno il resto e la differenza di prezzo lievita tantissimo. Vediamo quali caratteristiche tecniche deve avere un buon filo da pesca e da lancio tecnico:
l'impiego nei mulinelli fissi da surfcasting si rivolge a quei fili sottili e setosi che non abbiano tanta memoria affinchè non moltiplichino troppe spire che spesso provocano le rotture durante il lancio. Un problema che non avviene nel mulinello rotante. Questa scelta va fatta controllando le caratteristiche tecniche descritte sulla confezione e da una verifica fatta al momento dell'acquisto. Una prova che va fatta se l'elemento e la marca non sono conosciuti, proseguendo con il controllo dello stiramento che non deve superare il 7%, vale a dire, non deve stirare più di sette centimetri per metro. Poi si prova la tenuta al nodo bagnato dalla saliva e a secco tirando con le due mani a non più di venti centimetri per parte oppure tramite un dinamometro. In questo caso utilizzeremo due metri di filo facendo un noto a metà, fissando una delle parti a un sostegno adatto e l'altra nel dinamometro. Si tende il filo fino alla rottura, controllando l'ago del dinamometro al cedimento.A questo punto si confronta quanto sta indicato nella confezione.
Da considerare che lo spostamento dell'aria agisce principalmente sul filo trainato e in minima parte sul piombo. In condizioni di vento laterale noteremo una deriva da parte del piombo poichè il filo trainato agisce come una vela quindi, rispetto la direzione di partenza del piombo, avremmo uno spostamento di direzione all'arrivo.
Nella condizione di vento forte alle spalle, il lancio sarà favorito affinchè l'angolo di proiezione sarà abbassato di qualche grado, altrimenti il traino del filo avverrà con l'effetto del "collo d'oca" e la perdita di diversi metri. La stessa cosa, ma contraria, avverrà con il vento frontale.

MULTIMEDIA
Todaro Sport

Via Odescalchi, 33 - Ladispoli
Tel. 06 99222757

Via Pietro Giannone, 8 - Roma
Tel. 06 39733313

Partita IVA 10410721004
© Todaro Sport 2020
All rights reserved